Ricette delle spezie

Approfondimenti·Extra
spezie ricette
Le miscele per le nostre ricette

Questo articolo sulle spezie raccoglie alcune delle miscele che mi piace creare per le mie ricette. Il libro da cui sono riprese le miscele è “La grammatica delle spezie” edito da Gribaudo, un libro che tutti gli amanti delle spezie dovrebbero avere.

Non voglio rinunciare a creare ricette etniche che fanno grande utilizzo di spezie e non voglio comprare mix che poi restano in dispensa a vita. Così, grazie al mio libro, ho deciso di preparare alcune miscele per l’occasione. Quelle che vi lascio di seguito fanno riferimento ad una ricetta presente sul blog e verranno aggiornate ogni volta che ne proverò di nuove.

I primi ricettari del Medioevo citano le spezie come un elemento di elevazione sociale. I piatti poveri venivano utilizzati come contorno o di accompagnamento e molto spesso erano arricchiti con un ingrediente prezioso, come le spezie. Le spezie erano un lusso concesso solo alle classi sociali agiate e rimarrà così fino al 1500 circa. Dopo la scoperta dell’America, la pioggia di profumi e di sapori che investì l’Europa generò presto stanchezza. Ora che le spezie erano alla portata di molti, i veri ricchi cercarono altrove i segni di distinzione.¹

Le spezie andrebbero sempre tostate perché sono più profumate. Vanno aggiunte agli olii o grassi per permettere che sprigionino tutti i loro profumi. Hanno il grande vantaggio di creare un’immensa varietà in cucina e ci permettono di utilizzare meno sale.

Se volete acquistare le vostre spezie vi consiglio il bellissimo negozio di Milano Tutte le spezie del mondo, che lo store online a questo link www.tuttelespeziedelmondo.it

Per saperne di più sulle spezie, vi consiglio il profilo Instagram di Elisabetta o il suo sito lamagiadellespezie.it

Vi lascio anche alcune delle ricette in cui utilizzo le spezie. Cerca la ricetta che più ti ispira e prova a creare il tuo mix.

Dahl di lenticchieMuffin speziati arancia e cannella

Gulasch di tempehFrijoles

  1. Alberto Capatti, Massimo Montanari, La cucina italiana, Editori Laterza, 2015.

Garam Masala – ricetta Gatta Masala

Chiamata anche miscela calda, si aggiunge di solito a fine cottura per mantenere la fragranza. Fondamentale per ricette come il Tikka masa di pollo o nel murgh makhni e altri piatti di carne, ma anche patate e verdure. Non si trova solo nella cucina indiana, ma anche nei piatti giapponesi o aggiunto a verdure, biscotti e pane. La particolarità di questa miscela è che viene aggiunta ai piatti poco prima della fine cottura per preservare il suo sapore.

1 cucchiaio di semi di cumino
5 baccelli di cardamomo
2 baccelli di cardamomo nero
1 stecca grande di cannella
1 cucchiaino e 1/2 di chiodi di garofano
2 lamelle di macis
1/4 di cucchiaino di noce moscata
1 foglia di alloro
1/2 cucchiaino di grani di pepe nero
1/2 cucchiaino di grani di pepe bianco

Scaldate a fuoco moderato una padella con fondo spesso, aggiungete tutte le spezie intere e fate tostare per 2-4 minuti, finchè non si sentirà il profumo, mescolando ogni tanto. Lasciate raffreddare e macinate con un macinacaffè o un macinino per spezie (quello del pepe per intenderci)
Setacciate per eliminare le bucce e conservate in un barattolino ermetico.

Berberé – ricetta Zighinì

Una miscela di spezie piccante utilizzata in Etiopia ed Eritrea. A base di peperoncino, può includere aglio, zenzero, cumino, ecc. Il risultato è una mistura rossa ricca di aroma e di gusto, che può insaporire a crudo la carne, il pollame e il pesce o può essere utilizzata per zuppe, verdure e cereali. E’ il condimento principale dello spezzatino etiope, il doro wat e del misr wat, piatto di lenticchie simile al dahl indiano.

5 peperoncini secchi
1/2 cucchiaino di semi di fieno greco
1/4 di cucchiaino di bacche di pimento
1/4 di cucchiaino di semi di ajowan
1/2 cucchiaino di pepe nero in grani
i semi di 3 baccelli di cardamomo
1 cucchiaino di semi di coriandolo
3 chiodi di garofano
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di noce moscata grattuggiata
1/4 di cannella in polvere

Scaldate a fuoco moderato una padella con fondo spesso, aggiungete i peperoncini e le spezie intere e tostate per 2-4 minuti, finché il tutto non sarà profumato e leggermente dorato, mescolando di tanto in tanto. Lasciate raffreddare e macinate in un macinino per spezie. Unite le spezie in polvere e conservate in un barattolino ermetico.

Pisto napoletano – ricetta Mostaccioli

Il Pisto è una miscela di spezie tipico nella cucina campana, utilizzato per creare dolci come mostaccioli e roccocò. Ricorda molto il pan d’epices o i biscotti speziati allo zenzero. Questa ricetta è ripresa dal sito ricettedalmondo.it

15 gr di cannella (in polvere)
5 gr di chiodi di garofano
5 gr di anice stellato
5 gr di noce moscata
5 gr di semi di coriandolo
5 gr di pepe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni sull'autore

Potrebbe interessarti anche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi