Sauza di fave

Ricette·Secondi piatti
sauza di fave, baccelli di fave, bucce di fave
Ricetta calabrese

Sauza di fave? I baccelli di fave, bucce o scorze per una ricetta zerowaste. Quante volte le avete buttate nell’umido dopo averle sgranate? Grazie a Rosaria, una ragazza calabrese, conosciuta su Instagram, ho scoperto questa bellissima ricetta tipica contadina che riutilizza i baccelli in modo alternativo. Le sue origini sono calabresi, la sauza in dialetto significa salsa e la sua tradizione affonda nelle vecchie abitudini povere contadine che non sprecavano nulla. Ho servito la mia sauza di fave come contorno di un piatto di cereali e legumi.

Io ho utilizzato i baccelli più teneri delle fave fresche e sono stata davvero contenta per diversi motivi: ho riutilizzato i baccelli, ho scoperto un altro piatto mediterraneo della tradizione calabrese e mi sono gustata il mio contorno.

Provatela e fatemi sapere, anche se la stagione delle fave volge al termine.

Per idee su ricette con le fave provate invece il siciliano macco di fave [link] o gli etnici falafel [link]

INGREDIENTI

1 kg di fave fresche e tenere
2 fette di mollica di pane raffermo
1 spicchio d’aglio
peperoncino
4 cucchiai di aceto di mele (o bianco)
Olio evo
Sale

PROCEDIMENTO

Per prima cosa pulite le fave e tenete da parte le bucce cercando di eliminare il filetto più grande. Sciacquatele bene sotto l’acqua corrente e tagliate a losanghe di pochi centimetri. Spezzetate la mollica in piccoli pezzi e tenetela da parte.

Sbollentate i baccelli in acqua bollente salata per 5 minuti. Nel frattempo versate 4 cucchiai di olio in una padella antiaderente con uno spicchio di aglio schiacciato e un pizzico di peperoncino.  (se non digerite l’aglio potete eliminarlo una volta che avrete insaporito l’olio, vi prego non perdete tempo a togliere l’anima).

Scolate i baccelli e fateli saltare in padella 5 minuti. Conservate l’acqua di cottura per aggiungere un mestolino durante la cottura. A questo punto aggiungete la mollica e sfumate con l’aceto. Saltate ancora pochi minuti fino a quando la vostra mollica non si sarà ammorbidita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRE RICETTE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi