Finta trippa vegana

Primi piatti·Ricette·Secondi piatti
Finta trippa vegana_ricetta alla romana
dalla tradizione romana

Finta trippa vegana? Sì, sono seria. La finta trippa con le uova, a differenza di ciò che potreste credere, è una ricetta della nostra tradizione. Parliamo di uno di quei piatti poveri che mi piace spesso citare.

E’ una sorta di frittata arrotolata e tagliata come fettuccine, cotte poi nel sugo. L’aspetto risulta essere molto simile alla trippa. Si preparava in mancanza della trippa perché la carne veniva consumata con moderazione, in particolare era usanza mangiare la finta trippa durante il periodo di Quaresima.

L’ho scoperta un po’ per caso e me ne sono subito innamorata. Per la versione che ho preparato ho utilizzato una farina di grano duro Russello, ma avevo pensato anche di prepararla con le classiche cecine. A voi scegliere se volete un primo o un secondo da portare in tavola.

La tipica finta trippa è una rivisitazione della più famosa trippa romana, preparata con il sugo, la mentuccia e il pecorino romano. In questo caso noi l’abbiamo resa vegana e Andrea ha aggiunto del Gondino grattuggiato, mentre io l’ho gustata semplicemente con il sugo.

L’impasto della finta trippa è la stessa delle mie crespelle [link ricetta], ma vengono cotte solo un pochino più grossolane per creare il giusto spessore per ricreare effetto finta trippa. In ogni caso, se vi avanzano delle crepes, non esitate a provare la ricetta. Se vi manca la mentuccia sostituite con altri aromi come origano o basilico.

Se la provate, fatemi sapere cosa ne pensate e se vi è piaciuta nei commenti o taggandomi sulle mie pagine social!

Con lo stesso impasto delle crepes è possibile preparare una ricetta alsaziana e austriaca molto curiosa, la flädlesuppe.
Anche questa ricetta è originariamente preparata con le uova, ma noi abbiamo provato a mettere i tagliolini di crespelle all’interno di un brodo vegetale a cui ho aggiunto del semplice miso. La ricetta non ci ha fatto impazzire, ma io ve lascio il link al sito da cui l’ho presa.

INGREDIENTI

la finta trippa

150 gr di farina di grano duro
150 gr di bevanda vegetale, tipo soia
100 gr di acqua
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino di lievito istantaneo cremortartaro
Pizzico di sale marino integrale

Il sugo

400 ml di passata di pomodori
1 cipolla piccola
1 carota
1 costa di sedano
Sale marino integrale
1/2 cucchiaino di pepe macinato
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1/2 bicchiere di vino bianco per sfumare
mentuccia o altre erbe aromatiche

PROCEDIMENTO

Per prima cosa preparate la pastella unendo tutti gli ingredienti. Se dovesse servire aggiungete un po’ di acqua per rendere il tuo composto liquido. Considerate che l’impasto è identico a quello di cecine o crespelle. Lasciate riposare almeno 20 minuti.

Preparate il sugo di pomodoro vegetale. Tritate finemente sedano, carota e cipolla e fate soffriggere in con due cucchiai di olio e uno di acqua. Sfumate con il vino bianco. Dopo 5 minuti aggiungete la passata e lasciate cuocere per 15-20 minuti, il sugo dovrà essere un pochino liquido.

Ora cuocete le vostre crepes in una padella antiaderente cercando di creare uno spessore di mezzo centimetro, quindi non troppo sottili. Andate avanti fino a quando non avrete finito il vostro impasto. Lasciate intiepidire, arrotolate le vostre crepes e tagliatele a listarelle o fettuccine di circa 1 cm di larghezza.

Aggiungete le fettuccine al sugo e lasciate cuocere insieme per un paio di minuti, il tempo che si insaporiscano.

Servite la finta trippa vegana ancora calda con foglie di mentuccia o basilico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRE RICETTE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi