Li Sei Deli

Etnico·Fast Food · Gastronomia·Locali
Li Sei deli logo
autentica cucina coreana

Li-Sei Deli è una gastronomia e bistrot coreano a conduzione familiare che ha aperto nel 2020. Una piccola perla che si trova nel cuore dei Navigli di Milano “il quartiere che non dorme mai” ma basterà varcare la soglia di Li-Sei Deli per trovare un angolo di pace.

Li-Sei è gestito da moglie e marito, Okhee nata e cresciuta in Giappone ma di origine coreana, Kihyuk coreano doc. Okhee promette di far conoscere agli italiani la tradizione culinaria coreana. La sua è una cucina naturale basata su una cultura millenaria e un cibo sano fatto di ingredienti freschi e stagionali. Una tradizione che trova nel cibo il giusto bilanciamento di colori, sapori energie, che trae ispirazione dalla medicina orientale e si innesta di influenze italiane.

I proprietari ci accompagnano in questo viaggio coreano attraverso i loro piatti, tutti serviti in stoviglie monouso biodegradabili, pronti per take-away o delivery. Il “piatto del cuore” di Okhee è il bibimbap, uno dei piatti tradizionali coreani, ovvero un misto di cereali miscelati e ricoperti dai più svariati ingredienti. Forse oggi lo chiameremo semplicemente bowl, ma qui da Li-Sei Deli c’è amore per la propria cultura, non si tratta solo di moda. Per mangiarlo bisogna prima mischiare gli ingredienti insieme alla salsa piccante e assaporare tutto insieme. Di solito viene preparato solo con il riso bianco, ma Okhee è attentissima alla salute e ha optato per aggiungere alle sue proposte la possibilità di servirlo con orzo, farro e riso venere.

Il menù è illustrato dai disegni della artista Kie. Troviamo anche Sandwich con pane in cassetta, onigiri e piatti speciali quali il mio amato kimchi, ovvero cavolo cinese fermentato piccante e il koma kimbap, piccoli involtini di riso con verdure e rapa sottaceto. Molti di questi piatti vengono offerti in versione vegetariana o vegana.

Trovo davvero incredibile come il kimci, simbolo d’eccellenza della cucina coreana, sia una verdura che dopo un processo di fermentazione viene arricchita di probiotici e vitamina C. Prima o poi mi deciderò a mettervi la ricetta del mio semplice kimchi.

Da Li-Sei Deli il kimchi assume la bellezza di un rito. Okhee mi spiega che il kimchi viene messo in grandi giare di terracotta che vengono interrate e lasciate fermentare per circa 8/9 anni. Qui Okhee non ha lo spazio per utilizzare questa tecnica antica, ma ha portato con se le giare più piccole che vedrete appena entrati nel locale, dietro i vetri della cucina a vista.

C’è anche una sezione dedicata alle tisane dai sapori tradizionali, alcuni molto curiosi e bevande coreane insolite. Ve ne parlo approfonditamente più avanti.

Il gusto di Okhee che è anche una designer, si coglie nei piccoli dettagli. Amabili miniature di arredamento, pezzi di cucina da antiquariato sono sparse per tutto il locale e dietro la cassa. La piccola cucina a vista sprigiona intensi profumi e il mattone a vista crea un’atmosfera calda e accogliente.

Lo staff è molto riservato, ma sa dare le giuste informazioni ad ogni richiesta e Okhee è molto contenta di soddisfare le mie curiosità.

Se siete vegetariani non sottovalutate i dolci preparati con farina 00, latte di soia e uova e impacchettati di tutto punto per essere portati via. I gusti sono molto tipici e mi incuriosiscono le giuggiole, che vengono vendute essiccate nei negozi di alimentari etnici.

Venite a fare colazione da Li-Sei Deli, oltre ai loro dolci trovate le loro granole con yogurt di soia; il mio sogno che si avvera! Peccato solo non averli più vicino a casa.

Se siete celiaci avvisate la signora Okhee il giorno prima, vi farà trovare tante proposte, anche se in menù è presente sempre il bibimbap glutenfree.

Leggi la recensione sotto per sapere cosa abbiamo mangiato e cerca Li-Sei Deli sulla mappa.

InfoRMAzioni utili

QUARTIERE: P.ta Genova
INDIRIZZO: via vigevano, 9 Milano 20144
ORARIO: mar – dom 10:00-21:00
TELEFONO: +390249775083
EMAIL:liseimilano@gmail.com
SITO WEB: www.lisei.it/

LA NOSTRA RECENSIONE

16 novembre 2021

Dopo la visita al Labirinto di Arnaldo Pomodoro di via Solari, ci dirigiamo a piedi verso via Vigevano, verso un posticino che era nella mia lista da tanto tempo.

Il locale è composto esternamente da una sola vetrina. Da qui scorgiamo subito la cucina a vista. Entriamo e ci accomodiamo ad un piccolo tavolino e osserviamo il menù. Ci viene spiegato che una volta che abbiamo scelto, saremo noi ad andare a ordinare direttamente in cassa. La mia attenzione viene attirata da degli oggetti in miniatura che si trovano nella nicchia di mattoni rossi dietro la cassa… Guardando meglio mi rendo conto che ce ne sono parecchi, in tutte le nicchie di cui sono fatti i muri del locale!

Ordino la tisana del giorno con ciuffi di pannocchia. Ha un sapore dolce e mi viene spiegato che possiede diverse proprietà come la capacità di abbassare la febbre, lenire i dolori al fegato ed è diuretica. La mia è stata un’ottima scelta ma ero davvero combattuta, volevo provare anche le atre tisane, sia calde che fredde. In menù troviamo quella di giuggiole, o anche la “Yuja” ovvero una bevanda che si ricava dalla fermentazione di un agrume tipico del Sud Est asiatico lo Yuzu, e anche la “Omija” cha ricavata da particolari frutti rossi dai 5 gusti e prugna verde (che sospetto essere aspra).

Nel menù tutto è spiegato nei minimi dettagli e potete consultarlo direttamente sul loro sito a questo link lisei.it/menù. Tra le opzioni vegane trovate il bibimbap, il sandwich arcobaleno con le 7 verdure e considerate che tutti i piatti speciali possono essere veganizzati. Nota di merito al pesce scelto per le preparazioni, perché viene utilizzato lo sgombro e non i soliti salmone o tonno che sappiamo non essere sostenibili.

Per quanto riguarda i piatti ordiniamo il piatto della casa, due Bibimbap, per me vegano per lui vegetariano. Ma la voglia di provare altro è forte e così Andrea prende anche un sandwich all’uovo e io un onigiri che racchiude il loro kimchi.

La ragazza che ci serve ci spiega come mangiare il kimchi con la loro salsa piccante, meglio conosciuta con l’impronunciabile nome di Gochujang. Anche questo prodotto è il risultato di una salsa fermentata i cui ingredienti sono solitamente il riso glutinoso in polvere, peperoncino rosso macinato, soia fermentata, sale e un dolcificante. Non risulta essere estremamente piccante come il nostro peperoncino, il sapore viene infatti smorzato dalla fermentazione e dal gusto dolce in uno strepitoso umami. Non dimenticate di metterla sui vostri piatti, ma vi avviso, attenzione perché può creare dipendenza!

Andrea ha concluso la nostra sfiziosa e deliziosa cenetta con una torta di giuggiole.

Non perdo occasione di sottolineare quanto io ami la cucina coreana, e mi piace molto scoprire i locali milanesi che la propongono.  Posso affermare senza dubbio che questo è uno dei migliori ristoranti coreani di Milano, un luogo gestito con passione, dove mangiare sano e trovare la cucina autentica tradizionale delle famiglie coreane. Infatti le ricette sono state donate ad Okhee dalla nonna!

Se volete scoprire i segreti della cucina coreana, non vi resta che provarlo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRI LOCALI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi