• Home
  • Mezé – Lubnani Delights

Mezé – Lubnani Delights

Etnico·Locali
Mezè Lubnani Delights
ristorante di cucina libanese

Mezè Milano – Lubnani Delights- è il nuovo ristorante di cucina libanese porta la firma dello chef Maradona Youssef, concorrente di Masterchef. Il format invece è di Seguilabocca, progetto che ha visto nel 2014 l’apertura di Maidò (street food giapponese), Amuse Bouche (panini gourmet) e Madre (cucina messicana).

La proposta di Mezè si differenzia per la presenza di ricette della tradizione casalinga. Dietro al vetro in sala si intravede il Saj, una cupola d’argento sulla quale viene cotto il pane tipico integrale. Una tradizione culinaria in grado di riunire la famiglia nei momenti di convivialità.

La condivisione è una delle caratteristiche della cucina mediorientale. La ritroviamo nei menù degustazione per 2 persone e nel nome stesso del locale. I mezè sono proprio degli antipasti che si prestano a essere condivisi conosciuti durante il mio viaggio in Turchia.

Il locale ha un arredamento minimal con dettagli caldi e colorati che ci immergono in un’atmosfera etnica. Sono presenti un grande tavolo di legno per la condivisione, cuscini, paralumi, specchi, i grandi vassoi d’argento sul quale vengono serviti i piatti, accessori studiati per farci viaggiare con la mente.

La grafica colpisce per l’utilizzo di colori accesi e i bellissimi disegni che illustrano le portate nel menù.

Mezè è il viaggio che si compie stando a casa, la scoperta di mondi lontani, culture millenarie, cucine povere, ingredienti che sorprendono. Si esce con la pancia piena e la voglia di tornare per provare altre pietanze.

Il ristorante etnico Mezè è la nuova tappa libanese a Milano. Consultate la mappa [link] e leggete la recensione sotto per scoprire i piatti della nostra cena vegetale.

Scopri anche l’altro ristorante di cucina libanese a Milano che abbiamo provato [link]

InfoRMAzioni utili

QUARTIERE: P.ta Romana, Milano
INDIRIZZO: Via Pasquale Sottocorno, 19, 20129 Milano
ORARIO: Mar-Dom 12.00-15.00/ 19,00-23.30
TELEFONO: +3900252809202

SITO WEB: https://www.meze-milano.it/

LA NOSTRA RECENSIONE

4 aprile 2022

Curiosi di sapere cosa abbiamo provato da Mezè. Ecco qui descrizione e foto del nostro viaggio culinario. Luci soffuse, e buona accoglienza. Ci accomodiamo al grande tavolo condiviso, io seduta sulla lunga panca con cuscini. Sfogliamo il bellissimo menù colorato. Prendetevi del tempo se non conoscete i piatti o studiateli in anticipo [link al menù] perché la lista è lunga. Si inizia con i menù degustazione, presente anche il menù vegetariano/vegano.

Io preferisco lasciarmi ispirare dalle pietanze correttamente segnalate come vegane. Iniziamo con 3 mezè a testa.

Nel coperto è incluso il loro accompagnato da un pinzimonio di verdure e il labneh, ovvero una salsina a base di yogurt. Da bere vi porteranno una dolcissima limonata per aprire il pasto.

Durante l’attesa, da buona curiosona, sono andata a vedere come funziona il Saj, la piastra tradizionale su cui viene cotto il pane da cui prende il nome. Di fianco al Saj un cuscino e tanti ingredienti per farcirlo. Poco dopo scoprirò che il cuscino serve per stendere bene il Saj che viene poi appoggiato sulla cupola. Davvero una tecnica interessante e particolare.

I piatti vengono portati insieme su questo grande vassoio di argento che diventa una sorta di tavolino. Ecco in ordine apparire Aadas Bhamod, ovvero una zuppa di lenticchie e limone, il Kebbeh di zucca, ceci, cumino con glassa al sommacco e il Moutabal, una crema di melanzane con tahina e limone, una sorta di Babaganoush. Si prosegue con cavolfiore fritto con salsa Tarator, uno dei mezè più famosi del Libano; il Maghmour o Moussaka libanese, uno sformato di melanzane, ceci e pomodoro completamente vegano, forse il piatto che mi è piaciuto di più nonostante non sia una fan delle melanzane.

E infine da non perdere sicuramente il Saj ripieno di erbe, cipolle e sommacco. Se non siete vegani, fossi in voi, lo proverei in ogni versione.

In menù trovate anche i falafel, le classiche polpette di ceci e fave e l’hummus di ceci. Noi abbiamo voluto provare prima i piatti che non conoscevamo e siamo rimasti molto soddisfatti. Non siamo riusciti ad assaggiare i dolci, anche se in menù non sono presenti dolci completamente vegani, ma forse basta solo chiedere.

Vi consiglio assolutamente questo piccolo e breve viaggio nelle terre libanesi spendendo anche poco rispetto alla media milanese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRI LOCALI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi