• Home
  • Spaghetti con finocchietto selvatico

Spaghetti con finocchietto selvatico

Primi piatti·Ricette
20181207_143748
Finocchietto selvatico, una tradizione di famiglia

La pasta al finocchietto selvatico è uno dei piatti classici di casa mia. Il finocchietto arriva direttamente dalle campagne della mia terra d’origine e quel che mi avanza lo conservo nel congelatore.  In Campania oltre alla pasta, questa verdura è usata per insaporire il mallone, un altro piatto della tradizione regionale.

Tra i miei pasti settimanali mi concedo la pasta 2/3 volte a settimane, mi piace di solito cambiare formato e farina, preferendo sempre quella biologica e integrale. Adesso nei negozio bio si trovano tanti marchi di pasta di farine di grani antichi come Timilia o Senatore Cappelli. Potete mangiare anche la classica pasta di grano duro perché ha un indice glicemico più basso di quello tenero. Da preferire la versione di grano duro integrale se ne avete l’opportunità. Sulla provenienza delle farine della pasta sarà il caso di approfondire in un apposito articolo.

INGREDIENTI

200 gr di spaghetti
1 ciuffo di finocchietto selvatico
2 C di bottarga di muggine grattugiata
peperoncino piccante (io uso un olio che ho preparato con i peperoncini di mia zia)
1 spicchio di aglio
2 C di olio extravergine di oliva
sale qb

PROCEDIMENTO

Portare ad ebollizione una pentola d’acqua, salare e cuocervi gli spaghetti, io ho usato fusilli avellinesi, provenienti da Montoro. Nel frattempo, lavare e tagliare finemente il finocchietto selvatico.

Far rosolare uno spicchio di aglio sbucciato e schiacciato in due cucchiai di olio extravergine di oliva insieme al peperoncino piccante secco tritato a piacere. Appena l’aglio inizierà a prendere colore rimuoverlo, unire il finocchietto selvatico tritato e farlo rosolare per qualche istante.

Scolare al dente gli spaghetti e farli saltare per qualche istante con il condimento, spolverando con la bottarga grattugiata (opzionale).

Mescolare bene e servire ben caldi gli spaghetti con bottarga, peperoncino e finocchietto selvatico.

Se volete una versione vegana, basterà sostituire la bottarga con un cucchiaio di pinoli da far rosolare insieme al finocchietto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRE RICETTE

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi