Capunsei mantovani

Primi piatti·Ricette
Capunsei
Gnocchi di pane mantovani

I capunsei mantovani sono una ricetta della tradizione regionale e indovinate chi ha origini mantovane? La nonna di Andrea usava preparare i capunsei per utilizzare il pane raffermo. Sono degli gnocchetti di pane e formaggio con una particolare forma cilindrica affusolata.

Ci sono molti agriturismi in provincia di Mantova che ripropongono la ricetta originale con pane e formaggio conditi con burro e salvia.

Ho voluto sostituire il formaggio con un fermentato di anacardi, preparato la settimana prima con la ricetta della Casara Veg, ma potete anche omettere il formaggio o sostituire con del lievito alimentare. Vi dico subito che il pane fa la differenza: il mio era molto saporito, preparato con lievito naturale e ottime farine da Alessandra dell’azienda Tularù di Rieti [link].

Per vedere altre ricette con il pane raffermo vai al link.

 

INGREDIENTI

Dosi per 2/3 persone

250 gr di pane raffermo
50 gr di formaggino veg o lievito alimentare
(facoltativo)
200/250 ml di brodo vegetale (dipende dal vostro pane)
1 cucchiaio di farina
Noce moscata
Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO

Prendete il pane raffermo e grattugiatelo con un potente mixer o un macinacaffè. Aggiungete noce moscata, pepe e la vostra alternativa al formaggio. Mischiate tutto e iniziate ad aggiungere brodo caldo, prima i 200 ml. Unite il brodo poco per volta e mescolate affinché venga assorbito bene. Quando il vostro composto sarà omogeneo e compatto, lasciate riposare per circa 15 minuti coperto da pellicola.

Riprendete il vostro impasto, se necessario rimpastatelo con poco brodo o acqua formate dei cilindri e tagliate 1 o 2 cm, a seconda della grandezza che volete dar loro. Di ogni tocchetto io ho creato dapprima delle sfere con le mani e gli ho dato poi la forma cilindrica che vedete in foto.

Cuocete i capunsei in abbondante acqua salata e scolateli quando salgono a galla. Conditeli con olio scaldato e aromatizzato alla salvia. Questo è il classico condimento, ma la nonna li preparava spesso anche un semplice sugo di pomodoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ALTRE RICETTE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi