Passerella Belvedere Pian dei Resinelli

Attività fisica·Trekking
Pian dei Resinelli 10_vista da Monte Coltignone
il brivido sul lago di Lecco

La Passerella panoramica dei Pian dei Resinelli è la nuova attrazione dei milanesi e della Valsassina. Si trova all’interno del Parco Valentino, proprio dove sorge il Belvedere.

I Pian dei Resinelli distano soltanto 1 ora di auto da Milano, superato Lecco si percorrono 14 tornanti (segnati sulla strada). E’ da sempre una meta molto ambita per le tante attività che si possono svolgere. Da questa zona parte per esempio il sentiero delle Foppe, di cui vi avevo parlato a questo link. Al sito ufficiale trovate tutti gli altri itinerari [link]. Nel paese si trovano anche un parco avventura, il sentiero delle Miniere ed è consigliato per venire a giocare con il bob d’inverno.

Arriviamo al piazzale del parco avventura, parcheggiamo proprio davanti all’ecomostro-palazzo di 11 piani che si erge all’inizio del sentiero. Una segnaletica di legno ci indica tutto il giro ad anello: Piani Resinelli – Belvedere – Coltignone – Piani Resinelli. La mia idea era quella di deviare dopo la passerella per Forcellino ma, complice la neve, abbiamo perso il sentiero e abbiamo proseguito per il giro più breve. Questo percorso è adatto a tutti, compresi i bambini, e per tutte le stagioni, ottimo per ciaspolate invernali.

L’ingresso del parco Valentino è segnalato da una suggestiva porta che vi immerge in un silenzioso bosco innevato. Da qui il panorama regala degli scorci caratteristici, ci troviamo già a 1300 mt di altezza e il dislivello verso il monte Coltignone è di appena 200 mt. Iniziamo subito dalla salita che ci porta in poco più di 20 minuti a cima Paradiso. La neve un po’ scivolosa e il sole caldo di una giornata di febbraio rallentano un po’ la nostra salita. Aver avuto i ramponcini in questo tratto sarebbe stato utile. Fortunatamente la neve nel resto del parco è bassa e in alcuni tratti si è sciolta del tutto. Proseguiamo il nostro cammino sotto il segno degli alberi: Querce e Carpini bianchi, Castagni, Frassini e Pini. Arriviamo ad un bivio e in pochi minuti di salita ci troviamo sul monte Coltignone, con uno spettacolo del lago di Lecco che si apre sotto ai nostri piedi. La giornata non è tersa, ma il panorama merita una lunga sosta e sulla destra scorgiamo in lontananza la passerella. Torniamo sui nostri passi, torniamo al bivio e seguiamo verso il Belvedere (ovvero la passerella). Il sentiero sterrato è in discesa e segnato da una staccionata che segue piccoli tornanti. In pochissimo tempo arriviamo alla principale attrazione del percorso.

La passerella panoramica sul Belvedere è stata inaugurata a novembre 2020 come valorizzazione turistica delle Valli Prealpine della Provincia di Lecco: Grigne, Valsassina e Pian dei Resinelli. E’ costata 130mila euro ed è stata affiancata dalla messa in sicurezza dell’intero parco Valentino. Un’operazione che molti hanno criticato, in particolare per aver deturpato un paesaggio naturale. Anche guardando le foto si può notare che il panorama dal Coltignone e meglio visibile dal Coltignone era già affascinante. Non posso negare che percorrere la passerella fa venire un vuoto allo stomaco e sale l’adrenalina mentre avanzo con gli occhi rivolti verso il basso. Avere lo sguardo a 360 gradi a picco sulla montagna mi ricorda la Terrazza del Brivido di Tremosine [link sul blog]. Giusto il tempo di goderci la spettacolare vista sul bacino del lago di Lecco, i laghi Briantei, alla ricerca del monte Cornizzolo [link del trekking].

Giriamo un ultimo sguardo alla passerella e proseguiamo il nostro anello. Ad un certo punto troverete un bivio, poco visibile con la neve, seguite il sentiero 52-53 per allungare verso Forcellino, altrimenti proseguite sull’ampio sentiero. A metà strada si trova la Casa Gerosa, purtroppo chiusa in inverno, al cui interno si trova un museo dedicato alle Grigne.

Il nostro percorso si conclude con pranzo al sacco sotto il sole, usufruendo dei tavoli di legno del parco Avventura, chiuso in settimana. Noi abbiamo impiegato circa 2 ore.

Se come noi cercate dei percorsi alternativi, vi ricordo che scendendo verso Abbadia Lariana si trova un sentiero che porta alle cascate del Cenghen. Noi abbiamo deciso di percorrere più strada e andare a visitare il museo a cielo aperto di Caglio, dedicato a Giovanni Segantini. Ma questa è un’altra storia.

Se percorri il sentiero fammi sapere cosa ne pensi e se ti piace la nuova passerella.

 

 

InfoRMAzioni utili

CITTA’: Piani Resinelli, Lecco
INDIRIZZO: Parco Valentino, Pian dei Resinelli, Abbadia Lariana, LC
PERIODO: 2 ore A/R
SITO: resinelliturismo.it
PERIODO: Percorribile tutto l’anno, in inverno con le ciaspole
DISLIVELLO: 200 mt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri eventi

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi