The Vegetarian Chance

Corsi & Eventi
29064153_2017415251918261_7328836679788031824_o

Sabato 12 e domenica 13 maggio 2018 si è tenuto il festival vegetariano ideato dall’associazione di Pietro Leemann e Gabriele Eschenazi. Il tema di quest’anno “Mangia la foglia, salva il pianeta”.

THE VEGETARIAN CHANCE si presenta un festival di alto profilo qualitativo grazie alla presenza di ospiti e cuochi nazionali e internazionali, condotto da Leemann che dirige i lavori “fuori” dalla sua cucina.

La location della Fabbrica del Vapore è apprezzata da tutti i milanesi per essere un vero e proprio polo culturale e sede del Mercato della Terra di Slow Food.

Appena arrivata riconosco infatti uno dei produttori di solito presenti al Mercato della Terra di Slow Food, che si svolge un sabato al mese in questa sede. Rimango affascinata dalle tantissime erbe spontanee e fiori edibili presenti sul banco, davvero un mix di colori primaverili a cui non so resistere.

All’interno della struttura le stanze appaiono un po’ vuote, pochi gli stand, un allestimento che spicca su tutti quello di Ricola, tra gli sponsor ufficiali.

Il cuore del festival è il bellissimo salone al primo piano dove si svolgono le conferenze. Sabato dalle 13 è intervenuto il famoso medico vegano Neal Barnard, ospite internazionale che in molti aspettavano trepidanti. Barnard parla di alimentazione vegana e nutrizione sana, un connubio che amo particolarmente. Il dottore risponde con gioia alle domande del pubblico e le commenta insieme a Leemann. I due parlano anche del contenuto del packed lunch per pic nik pensato dallo stesso Barnard e venduto per l’occasione dall’Officina del Gusto al prezzo di 20 euro.

A fine conferenza decido di mangiare da Cucinando su ruote, food truck vegano piemontese che propone una cucina di piatti con la canapa, in questa occasione prodotti da forno come pane, farinata, piadina, arricchiti di verdure e proviamo anche il loro famigerato stecco dolce.

 

Domenica 13 si è tenuto il concorso degli Chef: Otto chef di alta cucina si sono succeduti durante la giornata nello spazio al piano terreno allestito con elettrodomestici Elettrolux. Il vincitore è stato Antonio Cuomo, campano di origini e con fissa dimora a Bergamo con il suo piatto “Mi piace il sushi”. In seconda posizione la giapponese Yoshiko. Sono stati premiati i piatti in base al gusto e alla presentazione ma hanno inciso nella scelta dei giudici soprattutto l’anima, il background culturale, l’aspetto nutrizionale e sicuramente la sostenibilità presenti nei cibi. E’ Leeman stesso a sottolineare con orgoglio l’aspetto umano prevalso in questa edizione.

Agostoni di Radio popolare ha presentato il libro “Fragilità umana. Il postumano contemporaneo” del giovane filosofo Leonardo Caffo, un’interessante visione del destino dell’uomo rispetto a temi come ambiente, biodiversità, allevamenti, in una sorta di esortazione a cambiare rotta per salvare il pianeta.

E’ stato molto bello incontrare Silvia Bianco di Cucina in Cambiamento. Lei è una bravissima foodblogger di cucina naturale che seguo quotidianamente su facebook e con cui ho potuto scambiare punti di vista e farle i miei complimenti per il suo splendido lavoro di divulgazione. Presto vi parlerò del suo metodo rivoluzionario di organizzazione in cucina.

Informazioni sull'autore

Potrebbe interessarti anche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi