Io scelgo..Miveg

Perchè Mi veg è il festival vegano milanese per eccellenza, oggi giunto alla sesta edizione; perché Miveg è stato il mio trampolino di lancio in scelte più consapevoli; perchè  Miveg mi ha mostrato un mondo che non conoscevo; perché insieme a Miveg è nato il festival Viva Las Vegan del Circolo Magnolia. Come ho già detto in altri articoli, devo molto al Miveg.  Il festival si occupa principalmente di diritti degli animali e durante questi due giorni si susseguono conferenze sulla situazione italiana di allevamenti, presentazioni dei movimenti animalisti, visioni di film e documentari e di interessanti show cooking, numerosi stand e un’ottima e varia cucina completamente vegana.

Mi Veg è nato dalla collaborazione di Essere Animali e Vitadacani Onlus. Quest’ultima edizione è stata diretta esclusivamente da Vitadacani Onlus e coadiuvata dall’aiuto di molti volontari. Essere Animali era comunque presente e anzi questo gli ha permesso di dedicarsi attivamente alle sue campagne animaliste, come quella contro gli allevamenti dei pesci #ancheipesci, che vi invito a sostenere a questo link.

Essere Animali è un’organizzazione no-profit che ha come obiettivo la salvaguardia del mondo animale dagli allevamenti intensivi e macelli, dallo sfruttamento al circo e negli zoo, dalla produzione di pellicce e abiti sino alle violenze nei laboratori. I ragazzi dell’organizzazione si occupano di  indagini e campagne di sensibilizzazione rivolte soprattutto alle istituzioni e le aziende. Vitadacani Onlus invece opera in difesa dei diritti animali contro l’abbandono, il randagismo, la vivisezione, l’allevamento, e lo sfruttamento generale.

 

 

 

 

 

Mi Veg dunque diventa il luogo in cui queste due e tante altre associazioni incontrano il pubblico vegano ma non solo. Mi veg è un weekend di festa che permette di far riflettere e sensibilizzare su temi molto importanti in compagnia di amici e davanti a del buon cibo.

Per il secondo anno consecutivo la location è quella degli East End Studios di Mecenate a Milano, l’ingresso come sempre è gratuito. Le aree coinvolte sono diverse, al coperto e ben segnalate. Area show cooking e piccole conferenze, due aree cibo, interna ed esterna, area vegan tattoo, uno spazio bimbi, una grande area expo con al centro una più vasta sala per le conferenze.
Non siamo di fronte ad un fiera ma ad un grande festival, a mio avviso il migliore sul territorio cittadino e non solo.

Le tematiche affrontate nelle conferenze sono talmente varie e diverse che è possibile trascorrere tutta la giornata all’interno del festival senza mai annoiarsi. Ogni anno personaggi nuovi e attivisti si aggiungono all’elenco per dare il loro contributo alla causa. Nelle sale si susseguono appuntamenti come: bagni di gong, attenzione del benessere del pianeta, workshop per ridurre i rifiuti, presentazione di santuari  rifugi, approfondimento sull’alimentazione vegana e lo sport e sulla distanza tra la pubblicità e il mondo reale.

Nell’area workshop ritrovo due delle mie food blogger del cuore, in primis la presentazione del corso di Salute Alimentare della Funny Veg Academy con Mara di Noia e Giulia Giunta di cui vi avevo già parlato in questo articolo. Giulia prepara un ricchissimo piatto di amaranto al pesto di agrumi e finocchio davvero invitante e di cui vi lascio la ricetta. Sempre al sabato si tiene lo show cooking crudista a 4 mani di Felicia Sguazzi e Eduardo Ferranti che insieme preparano un budino di cachi e cacao senza zuccheri. Domenica, sempre per la Funny Veg Academy, è il momento del pasticcere Stefano Broccoli con le sue creme vegane per decorare e riempire i nostri dolci.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’area expo presenta circa 70 stand di espositori di ogni tipo, dalle associazioni, ai commercianti, agli hobbisti appassionati. Alcuni sono espositori ritrovati, volti amici e conosciuti, altri sono assolute novità. Come ogni anno si spazia dal cibo artigianale, alla cosmesi, all’oggettistica, all’abbigliamento sostenibile e brandizzato “vegan”, alle associazione di tutela nei confronti degli animali. Quest’anno mi sono limitata all’acquisto di piadine e farina di farro dal Pirata della Piada, un formaggio della Casara Veg preparato con ingredienti sani (rari da trovare nei formaggi vegani), una barretta raw alle ciliegie senza zuccheri aggiunti e l’olio naturale solido di Cosmetica Bene.

 

 

 

E veniamo ad una parte molto interessante della manifestazione: la cucina del Miveg! Arrivando nell’area esterna troviamo vegan burger, panzerotti e fritti vari, tanti piatti di riso, nella sezione risi e sorrisi, tra cui paella e riso pizzocherato (devo assolutamente provarlo a casa!). Nel grande spazio interno troviamo invece il bar con i dolci e tante altre proposte interessanti tra cui scegliere.

 

 

 

 

Continuo così la mia ricerca, sicura di trovare il piatto giusto per me. E infatti… rimango incuriosita dal banco di cucina crudista che presenta ben due menù: uno rosso e uno bianco, nomi determinati dal colore delle verdure. Più avanti un interessante menù di cucina esotica con un’invitante curry di verdure attira la mia attenzione. Si susseguono i banchi con una combo di muscolo di grano, seitan e soia e infine un must della nostra cucina, le lasagne veg fatte in casa. Davvero tante opzioni buone e sane, che mostrano al pubblico quanto sia varia la cucina vegana. Buonissime le lasagne, interessante e super sano il menù crudista con una proposta di dolce senza zucchero.

 

 

 

Mi sono anche concessa un assaggio dei dolci di Madre Terra Veg, un laboratorio gestito da due giovani mamme a Sesto San Giovanni  che, su ordinazione, preparano anche dolci senza zucchero.

 

 

 

Il festival è per me occasione di ritrovo con amici del corso di cucina e organizzatori che trovano sempre il tempo per scambiare due chiacchiere nonostante tutto il lavoro.

Una grande organizzazione, un festival adatto a tutti, per chi vuole consolidare, scoprire o comprendere, per chi ha sete di novità, per chi vuol ritrovarsi in compagnia o semplicemente per i curiosi che vogliono vedere da vicino un mondo dalle mille sfaccettature, un mondo che si batte per gli animali, un mondo che non finisce mai di sorprenderci.

 

 

 

 

 

 

Foto dall’evento facebook MIVEG.

 

Rosy

Rosy

Bella e brava
Rosy

Latest posts by Rosy (see all)